Il mio “Magic Bus”


Mi metto di nuovo in cammino. Sulla strada. La Via. La strada per fuggire è chiamata desiderio, tanha, fuga dal presente, dalla realtà verso l’irrealtà. Chi desidera fugge. Chi medita (osserva) non fugge. Meditazione è non fuggire. È osservare. 

Lo trovo davanti a me. Inaspettato. Abbandonato. Un riparo dalla inaspettata pioggia. Il mio “magic bus” sulla Via. Grazie.