Booktherapy ▪️

▪️ BookTherapy ▪️

➖ La booktherapy non è facile. Quando faccio un incontro non sempre riesco a trovare dentro di me la forza per ricercare un titolo che possa andar bene alla persona che ho di fronte. Leggere qui sopra le mie esperienze, all’apparenza semplici, potrebbe indurre chi legge a pensare che sia facile “consigliare” una lettura piuttosto che un’altra. Per fortuna non è così! E’ difficile invece, a volte anche molto. Gli occhi e la gestualità di chi hai davanti è fondamentale. Molto spesso il linguaggio del corpo conta più delle cose che quella stessa persona racconta. L’abilità, se così si può chiamare, sta nel percepire quello di cui l’interlocutore ha bisogno. Se avessi “incontrato” lo sguardo a metà tra la voglia di riscatto e il sentimento di autodistruzione che aveva spesso il mio migliore amico negli anni prima di morire, e se allora avessi praticato la booktherapy, gli avrei consigliato il libro di Yanagihara. Non ho certezza che “Una vita come tante” lo avrebbe salvato, ma sono convinto che almeno lo avrebbe aiutato nella sua lotta contro la vita. Troppo spesso si sottovaluta l’incredibile potenza che hanno i libri, ed è questo il motivo che mi ha spinto a praticare la booktherapy, di spingerla, soprattutto quando alla mia nave personale manca il vento per spingerla oltre gli ostacoli. ➖

Areagrigia

Annunci