Niente è così sia

Te ne sei ito via così, co n’attimo, senza avvertì (nun se fa…). M’hai lasciato come no stronzo! A me, e a tutta la fiumana de gente che te voleva bene. La famija tua, l’amici de na vita, li colleghi, donne, omini, creature, magari pure quarche sconosciuto; so rimasti tutti de stucco. C’era ‘n botto de gente fraté, nun so se hai potuto vedè da lassù! Mille occhi che luccicaveno pe te! Ma nun serviva…ma questo mo ce lo sai, perché da lì la vita me sa che se vede mejo forse, comprese tutte le stronzate che se fanno… Mo che ‘nce stai più, aripenso a tutto, me vengheno in mente ‘n sacco de cose… Aho se c’hai da fa dimmelo…perché sennò continuo… Siccome chi tace acconsente, io parlo, anzi scrivo… Li pallonetti? Te ricordi? Pe strada sotto casa tua, io te e mi fratello…er cancello marone che faceva da porta…e noi tre stronzi a giocá a pallone, co tutti i capelli in testa! Poi er periodo daa bisca? Too ricordi? C’era pure er Fina! Le stecche s’eravamo comprati. Megalomani. Poi er periodo dei casinò …. Montecarlo, Sarèmo, Isbrucche…ma che s’eravamo messi in testa?… Aho io m’ero comprato la roulette cor sabot….(stai a ride…). Un passo indietro …. i video girati a casa de mi madre co la telecamera de tu zio, quella che ce s’è rotta quer giorno che semo dovuti anná alla Sony a Monteverde vecchio!… Poi lo stadio e la Maggica, le vittorie e le sconfitte…e quelle reazioni così diverse che ce distinguevano uno coll’artro ner comune amore pe quella majetta gialla e rossa. Mille battaje che a ricordalle tutte me ce vorebbero tre vite…e allora posso ditte Roma-Foggia cor primo gò der Capitano, er Derby de Carletto Mazzone, quarche trasferta, così, tanto pe dinne una, Siena, dove ar gò de Daniele, m’hai fatto esurtà da solo…perché c’avevi paura dei senesi…ma poi è inutile, so troppe, troppe. Magari fatte di de Roma-Parma….17-06-2001….e quei quattro giorni de follia…dove pure canale 5 c’ha mannato in onda!… Tra ‘n cazzo e n’antro so arivati i matrimoni, io prima e te dopo….quarc’artra cazzata qua e là e ce semo…ecco li fiji, anzi le fije, la mia e la tua. Poi tra na partita e n’antra, ecchice qua, co tanto alle spalle e tanto davanti…la chiameno mezza età amico mio, perché c’è spazio pe guardá avanti e tempo pe vortasse a ricordá er passato. C’è la saggezza, dicheno, pe riflette e nun fa più cazzate… E invece…………….. Nun è manco tristezza la mia, perché pe quella c’ho er tempo che lavora pe me. Nun so incazzato, tanto a che servirebbe?… Me chiedo invece sì per caso hai visto ‘n giro Agostino, perché pure lui n’ha lasciata de gente coi lucciconi all’occhi, io come sai ‘nsieme a te ero uno de quelli, che nun capiva… Vabbè che te starai tutto er giorno co Arbertone a pijà per culo tutti, come si nun te conoscessi…ah poi, piuttosto quanno che esci a fatte na corsetta, dà no sguardo a tu madre e a tu padre, a tu fratello e a tu sorella, e me riccomanno a quaa regazzina, ortre che a noi stronzi che fino alla fine amo creduto a tutto meno che ae sensazioni…e se proprio voi fa quarcosa pe fatte perdoná: aritorna qua a spiegamme tutto quanto quello che c’avevi dentro ar còre!

@Massi Jax Novato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...